Tag: Guadagnare Online

Leave a reply

I blog? compiono 20 anni!

La data di oggi è stata omologata come quella in cui cade la nascita dei blog. Il primo blog della fu Scripting News di Dave Winer (lo sviluppatore di Fargo nonché colui che contribuì ad inventare il sistema dei feed RSS) che, guarda caso, già nel 1994 aveva le idee chiare scrivendo questo pezzo:Bill Gates contro Internet Proprio in tema con Freenix, ah ah!

Secondo il mio parere di modesto blogger, lo strumento blog sarebbe ancora valido, ma i tempi e le persone sono cambiate.

A dover capire questo deve essere chi scrive, in quanto chi legge lo ha già capito da tempo.

La sensazione di tutte le persone è di avere meno tempo a disposizione, mentre le pagine da leggere sono in aumento: facile capire come andrà a finire…

Quindi considero i blog ormai superflui? Giammai, non sarei coerente con me stesso e con i miei lettori.

Pensiamo a quei paesi in cui le informazioni libere raggiungono le persone comuni passando dai blog come unica via percorribile.

Quello che voglio dire è che non ci si può meravigliare, come invece vedo fare molte volte, che le persone non leggano gli articoli.

Ci si deve già considerare onorati delle visite: che tutti leggano e capiscano gli articoli è veramente utopia!

Del resto, molti contenuti presenti nei blog potrebbero benissimo stare in una semplice pagina Facebook, che io ritengo il principale avversario dei blog.

Un esempio per chiarire il mio ragionamento: mi piace uno scrittore, Paolo Longarini che ha sia un blog che una pagina fb ( Servitevi da Soli) in cui scrive ogni paio di giorni i suoi pezzi.

Dove pensate che lo segua? Su Facebook! Molto più immediato: notifica della nuova uscita, commenti al pezzo e via. Ma che dire se scrivesse  nel blog e postasse solo il link in fb? Sarei costretto, volentieri, a leggere il blog.

Ecco il punto: la strategia! Che naturalmente, richiede di avere obbiettivi ben chiari in mente. Quale dovrebbe essere l’obbiettivo di un blog? Al giorno d’oggi  una risposta unica non c’è, ma chiaramente, chi vuole farsi un brand scriverà diversamente da chi vuole informare dei suoi servizi o prodotti. A chi poi vorrebbe guadagnare con i click…  auguro le migliori fortune!

Quindi si deduce che, perché un blog abbia buon seguito, deve avere caratteristiche veramente spiccate, ma anche offrire dei servizi per il lettore. Questi possono essere canali Youtube guide, manuali pdf, link ad articoli utili(non è che i lettori aprono solo la nostra di pagina) oppure, niente di tutto questo, ma argomenti attuali, dai contenuti affidabili e che siano utili a chi legge. Facile a dirsi e difficile a farsi, ma questo deve essere la base di ogni blogger che voglia crearsi un seguito di lettori. Anche se questa ricerca della verità e dell’accuratezza andasse  a discapito della frequenza di pubblicazione, sarebbe comunque da preferire.

In conclusione ritengo che il blog dimostri tutti i suoi 20 anni, ma che noi blogger possiamo tenere fresco il nostro prodotto  sfornando pagine attuali, utili ai lettori e che rispecchino l’autore.




Leave a reply

Guadagnare Online – Diventa una rubrica

Ebbene si, la sezione Guadagnare Online diventa una rubrica. Questa scelta è dovuta al fatto che ci sono davvero tante cose da spiegare a riguardo, ed un articolo solo non basta. Tenterò di snocciolare tutti i segreti e quindi le tecniche per far entrare qualche soldo sul nostro account Paypal, in modo da poter guadagnare qualche spicciolo per soddisfare qualche capriccio, nel mio caso l’acquisto di qualche shield per Raspberry Pi ed hardware vario per la prototipazione.

Non sarà il solito sito fuffa dove tratterò servizi che non pagano. Prima di proporveli li testerò personalmente e vi spiegherò i pro ed i contro di ciascun servizio trattato. Alla fine nessun servizio è perfetto e chiaramente bada ai propri profitti.





Leave a reply

Guadagnare Online #01 – Costruzione di un blog o di un sito – Parte 1

Ebbene si, il primo step per guadagnare online sicuramente è la costruzione di un blog o un sito dai contenuti interessanti, altrimenti non avrete visite.

Ma come è possibile ricevere denaro attraverso un blog senza che i lettori sborsino quattrini?

La risposta è semplice, tramite inserzionisti che pagano per visualizzare le loro pubblicità attraverso dei siti fatti apposta che li promuovono: il più grande e renumerativo inassoluto è Google Adsense.

Il rischio di Google Adsense è che porta i visitatori su altri siti altrettanto interessanti, proprio perchè possiede un algoritmo capace di capire l’argomento del sito e di propinare ai visitatori pubblicità mirata. Insomma è un rischio che si potrebbe correre…

Un altro modo è proprio tramite Altervista, che ha un accordo con Google Adense, ma in questo modo sarà Altervista stesso a trattenere parte dei vostri guadagni.

In rete esistono centinaia di siti simili a Google Adsense che offrono guadagni minori, ma bisogna stare attenti alle bufale, una delle più clamorose si chiamava 20dollarstosurf, che sparì nel nulla.

Un altro problema non indifferente (almeno nel mondo Microsoft) è che spesso questi siti grazie ai loro pop-up sono dei potenziali veicolatori di malware, primi tra tutti sono quelli che vi chiedono di installare un’app sul vostro smartphone.

Un’altra frontiera che si è aperta in questi anni sono gli short link, link abbreviati che però anche loro non sono esenti di pubblicità, e spesso malevole, basta vedere adf.ly , probabilmente il più pericoloso tra gli short link mai esistiti nella storia del web.

Ricordate che il visitatore del vostro sito non deve ne stuffarsi e ne far crashare il proprio browser a causa dell’eccesso di banner pubblicitari. In questo modo aumentate la possibilità che tali visitatori non visualizzeranno mai più il vostro sito.

Anni fa, nel web 1.0 esisteva quella che veniva chiamata “la colonnina della vergogna” ed era situata o a destra o a sinistra del sito stesso. Su un lato venivano inseriti i link di navigazione, sull’altro quelli pubblicitari, e purtroppo quelli che rendono di più sono quelli pornografici, un settore che non vedrà mai il declino, purtroppo… (scusate la ripetizione)

Nella prossima puntata analizeremo a fondo le varie tecniche per guadagnare da un sito web, e le relative terminologie, spesso composte da massimo tre lettere. Non voglio anticiparvi nulla. Alla prossima!!! 🙂





Leave a reply

Guadagnare Online #00 – Introduzione

Da oggi vi parlerò anche di piccole tecniche per guadagnare (non cifre esorbitanti) online in svariati modi ed in maniera del tutto legale.

Vi mostrerò il funzionamento di alcuni servizi stranieri che vi permettono di guadagnare con click, visualizzazioni e sondaggi.

Ovviamente testerò personalmente tali servizi prima di proporveli.

Tutti questi servizi prevedono un account su Paypal, Payza, AlterPay o altri conti online per ricevere i pagamenti. Generalmente richiedono il Paypal, anche perchè viene ritenuto il più sicuro, anche se il più tassato.

Aspettatevi delle revisioni di questi articoli, anche perchè di questi servizi ne nascono come funghi, e spesso sono fake, quindi prima di cantar vittoria bisogna testarli.

Insomma sarà un’ardua ricerca.