Layer 3 – Network Layer

Network Layer è il livello 3 del modello di riferimento ISO/OSI.

A questo livello, Internet può essere vista come un insieme di sottoreti interconnesse: non esiste una vera e propria struttura, ma solo dorsali (collegamenti ad alta velocità di trasmissione) principali formate da linee a banda larga e router veloci. Alle dorsali principali si collegano le reti regionali, a cui si collegano le LAN di molte aziende, università e fornitori di servizi Internet. La “colla” che tiene insieme la rete Internet è il protocollo IP. Compito del protocollo IP è trasportare i dati inviati da una sorgente a una destinazione, senza tener conto nè della posizione delle macchine comunicanti, nè dell’eventuale presenza di reti intermedie.

Internet Protocol (IP) è il più diffuso protocollo di livello di rete, è il protocollo fondante di Internet. Prima l’ho definito la colla che tiene insieme la rete Internet, perchè esso ha il compito di far transitare in rete i pacchetti, chiamati in questo caso datagram, il protocollo IP è un servizio di consegna dei pacchetti inaffidabile, best-effort, senza connessione. Inaffidabile significa che la consegna del pacchetto non è garantita, perchè non è in grado di controllare eventuali perdite o corruzioni dei dati. Questo è un problema perchè se nel percorso un solo frammento viene perso, il pacchetto originale non si può più ricostruire, infatti il recupero degli errori o di dati persi è affidato al protocollo TCP, protocollo del Layer 4. Best-effort tradotto vuol dire che “fa del suo meglio” si riferisce al fatto che non è in grado di controllare le suddette perdite. Senza connessione significa invece che ogni pacchetto transita nella rete indipendentemente uno dall’altro.

Elemento fondamentale del protocollo IP è l’indirizzo IP, poichè IP è un protocollo senza connessione, per viaggiare in rete i pacchetti devono avere un indirizzo mittente e uno destinatario, questi indirizzi come già sappiamo (andate a leggere anche gli altri miei articoli sul livello ISO/OSI) sono contenuti negli header dei pacchetti. Gli indirizzi IP sappiamo identificano univocamente un terminale (host) all’interno della rete. Grazie agli indirizzi IP i router, riescono a smistare i pacchetti fino al destinatario.

Per svolgere queste funzioni, il protocollo IP esegue le seguenti funzioni fondamentali:

  • imbusta (encapsulation) i dati che gli arrivano dal livello di trasporto (layer 4)
  • fornisce un indirizzo (addressing) ai pacchetti.
  • garantisce l’instradamento, la scelta del percorso migliore per il paccchetto (routing).
  • permette lo spacchettamento (de-capsulation) dei pacchetti ricevuti.

Queste funzioni le approfondiremo meglio nei prossimi articoli.

Author: Flood3r

https://www.networkbyandrew.altervista.org
Sono un ragazzo di 17 anni, con la passione per tutto ciò che riguarda l’informatica. Ho avuto il mio primo pc a 6 anni, ed ho subito incominciato a smanettare.
Ora studio all ITIS e sono molto appassionato di reti di computer e di programmazione.
Email: flood3r@riseup.net